vai alla home del sito


L'Articolazione per moduli: la Polienciclopedia rosselliniana come Sistema Reticolare E-Learning


0. Tutorial: Modulo esplicativo sulla struttura reticolare, multimediale e intermediale della polienciclopedia rosselliniana


- Come creare un’Enciclopedia delle storie leggendarie ed esemplari della Civiltà Occidentale, ovvero come raccontare insieme la Storia e le storie
- Come creare un’Enciclopedia delle storie leggendarie ed esemplari degli incontri e scontri tra civiltà
- Come creare un’Enciclopedia dei sentimenti universali che attraversano le storie leggendarie ed esemplari della Civiltà Occidentale e quelle degli incontri e scontri tra civiltà
- Come creare un’Enciclopedia dei principi di narrazione che governano le storie di ogni tempo e luogo

1. Modulo Introduttivo all’Universo tematico: Le competenze dell'umanista

- Rileggere e riscrivere i Classici.
Il primo sentiero esplorativo aiuta a immaginare la biblioteca ideale di Rossellini, e invita a viaggiare dalla biblioteca di un umanista classico a quella di un neo-umanista, ricreando un dialogo a distanza tra testi classici e testi di autori e studiosi contemporanei che hanno assunto i primi come modelli ispiratori.

- L’ingegno polivalente.
Il secondo sentiero esplorativo propone un viaggio tra le multi-competenze che compongono il bagaglio interdisciplinare ideale di un intellettuale umanista, autore e studioso, esperto di arti, scienze e tecnologie, capace di padroneggiare diversi campi del sapere e di coglierne e sfruttarne le interrelazioni.

- La firma dell’autore.
Il terzo sentiero esplorativo propone un viaggio nel tempo, dalle botteghe medioevali e rinascimentali alle factory contemporanee degli autori di testi audiovisivi e multimediali per comprendere il valore del lavoro di gruppo che si cela dietro il nome di un singolo autore.

- Inventare per ricercare.
Il quarto sentiero rappresenta un viaggio tra le «macchine» ideate da Rossellini e gli antecedenti tecnologici ideati dai grandi umanisti per condurre le loro ricerche e sviluppare i loro progetti.

- Educare all’arte, educare con l’arte.
Percorrere il quinto sentiero equivale a intraprendere un viaggio dai cenacoli greci alle aule delle università seicentesche fino ai progetti di spettacoli didattici di Brecht e Rossellini; un viaggio per scoprire come un testo classico possa favorire l'apprendimento tanto di nuove conoscenze quanto di nuove competenze.

- L’organizzazione enciclopedica della conoscenza.
Il sesto sentiero consente di compiere un viaggio tra i musei e le opere di sistematizzazione enciclopedica delle conoscenze, dalle prime raccolte museali alle tavole dell’Encyclopedie, dal progetto di polienciclopedia multimediale rosselliniana alle potenzialità iper-enciclopediche della rete internet.

- La tradizione del racconto filosofico.
Il settimo sentiero invita ad un viaggio tra sacre rappresentazioni, parabole, racconti filosofici e film-saggi per capire come rappresentare in forma narrativa dialogica anche le più complesse teorie scientifiche.

- La Natura ispiratrice.
L'ultimo sentiero propone un viaggio tra le ricerche e i progetti dei grandi umanisti che, da studi scientifici intorno alla complessità strutturale degli organismi biologici, hanno saputo trarre ispirazione per rappresentare la molteplicità della natura umana

2. Modulo dedicato a Le storie leggendarie ed esemplari della Civiltà Occidentale riraccontate da Roberto Rossellini


2.1 La Nascita dell’ideale umanistico: Storie di Atene, Roma Gerusalemme, le culle della Civiltà Occidentale:

- Storia di Socrate.

- Storia di Caligola.

- Storia di Gesù e dei suoi apostoli.

2.2 L’Umanesimo nel Medioevo: Storie di Santi e di imprese leggendarie:

- Storia di Santo Agostino.

- Storia di Santo Francesco e dei suoi fraticelli.

- Storia di Santa Giovanna, pulzella di Orleans.

2.3 L’Umanesimo nel Rinascimento: Storie di arti, scienze e potere nell'età dell'oro per l'Umanesimo:

- Storia di Cosimo de' Medici e di Leon Battista Alberti.

2.4 L’Umanesimo nel Secolo dei Lumi e nell’Era della Rivoluzione Industriale: Storie di rivoluzioni scientifiche, tecnologiche e sociali:

- Storia di Luigi XIV, il Re Sole.

- Storia di due scienziati: Cartesio e Pascal.

- Storia di due rivoluzioni, da Diderot a Marx, dall’Illuminismo alla Rivoluzione Industriale.

2.5 L’Umanesimo nel Romanticismo: Storie di ideali e passioni fatali dal Risorgimento all'Unità d'Italia:

- Storia di Vanina Vanini e dei primi moti carbonari.

- Storia dell’impresa di Garibaldi e dei suoi mille.

2.6 L’Umanesimo tra due guerre mondiali: Storie di protagonisti invisibili ed eroi leggendari nella difficile uscita dell’Italia dal conflitto mondiale:

- Storie d’Italia tra Occupazione e Liberazione: 1943 - 45.

2.7 L’Umanesimo contemporaneo. Storie di eroi assenti e di anti eroi nell’Italia del dopoguerra:

- Storie di una ricostruzione mancata.

3. Modulo dedicato a Gli Incontri e Scontri tra Civiltà raccontati da Roberto Rossellini

3.1 Dalla colonizzazione alla globalizzazione: identità culturali e multiculturalismo:

- La civiltà dei conquistadores.

- La rivoluzione americana.

- Islam.

- India.

3.2 La sovrappopolazione e il problema della non inesauribilità delle risorse:

- World population.

- Storia dell’alimentazione.

4. Modulo dedicato a I Sentimenti universali che attraversano le storie leggendarie ed esemplari della Civiltà Occidentale e gli incontri e scontri tra civiltà

4.1 I valori: scale, opposizioni, classificazioni
Le classificazioni cristiane e laiche dei comportamenti morali di cui i personaggi sono portatori nelle storie che - in forma di miti e leggende, favole e fiabe, racconti e romanzi, commedie e tragedie - si tramandano, di generazione in generazione, come patrimoni di insegnamenti trasmessi attraverso la narrazione. Le classificazioni dei vizi e delle virtù dalla dottrina cristiana alla visione morale laica (le espressioni proverbiali del buon senso popolare, le carte costituzionali e la dichiarazione di diritti dell’uomo) che Rossellini e gli altri umanisti contemporanei hanno assunto ad oggetto di riflessione e narrazione nonché come modello enciclopedico per la loro opera:

- Amore e possesso;

- Invidia e gelosia;

- Fratellanza e estraneità;

- Idealismo e cinismo;

- Libertà e dipendenza;

- Santità e perdizione;

- Innocenza e furbizia;

- Paura e coraggio;

- Candore, purezza e semplicità;

- Curiosità e pregiudizio;

- Fede e scienza;

4.2 I Decaloghi dei sentimenti
L’espansione del modello polienciclopedico rosselliniano attraverso le variazioni sul tema, i cicli e le serie per il cinema e la televisione di autori come Kieslowski, Rohmer, Bunuel, Renoir, Truffaut, Resnais, Hitchcock, Spielberg, Lubitsch.

5. Modulo dedicato a I Principi universali di narrazione che governano le storie di ogni tempo e luogo


Le regole della narrazione che legano le storie raccontate da Roberto Rossellini a quelle raccontate dagli autori classici del presente e del passato. Un reticolo metodologico per saltare da un racconto alle numerose soluzioni con cui è composto, e da ogni soluzione ai tanti racconti in cui è applicata:

- dalle soluzioni elaborate o adottate per raccontare le storie, alle regole che soggiacciono ad esse;

- dalle definizioni delle regole alle soluzioni autoriali in cui sono applicate.