vai alla home del sito


Volete diventare nostri Partner nel completamento del più importante e incompiuto progetto di Roberto Rossellini?


La "Polienciclopedia rosselliniana della tradizione umanistica"
Un sistema e-elearning multienciclopedico in forma ipermediale basato sul più grande progetto incompiuto di Roberto Rossellini
Un nuovo strumento di studio e formazione destinato al mondo educational
La risorsa primaria per apprendere gli insegnamenti universali, artistici e scientifici, dei grandi umanisti del passato e del presente, e per formare gli umanisti del futuro

Con questo progetto ci rivolgiamo a tutti gli Enti nazionali e internazionali interessati a conoscere, a utilizzare e a diffondere in ambito educational il Sistema polienciclopedico rosselliniano per lo studio della Tradizione Umanistica; il più importante, e purtroppo incompiuto, progetto di Roberto Rossellini, di cui abbiamo più volte presentato, durante le iniziative per il Centenario della nascita dell’autore, le parti già realizzate allo stato prototipale.

La "Polienciclopedia rosselliniana della tradizione umanistica” è il sistema multienciclopedico immaginato da Roberto Rossellini per rappresentare e favorire lo studio delle idee e, delle scoperte, delle invenzioni, delle ricerche, dei progetti e delle opere della tradizione umanistica. Uno strumento innovativo per
- apprendere la lezione metodologica, i pensieri, le idee dei grandi umanisti del passato e del presente, per scoprire i legami tra le ricerche degli uomini hanno reso il nostro paese un modello di civiltà nel mondo.
- indagare i segreti del successo della tradizione umanistica, e scoprire come sono nati i capolavori del nostro patrimonio artistico e scientifico, le invenzioni, le scoperte, le opere e le idee che hanno mantenuto viva la civiltà occidentale e ne hanno favorito la diffusione nel mondo.
- apprendere gli insegnamenti dei grandi umanisti sotto la guida dell'ultimo di essi, che ha lasciato come eredità il progetto più ambizioso dopo quello di Leonardo da Vinci: creare una mappa delle idee della tradizione umanistica per aiutare le nuove generazioni a scoprirle e ad apprenderle, per non lasciare che si perda la maggior ricchezza del nostro paese.

A tutti gli Enti interessati estendiamo l’invito a divenire nostri partner o sostenitori nel completamento del progetto rosselliniano, per dare ad esso una forma adeguata, quella ipermediale, che valorizzi l’inter-disciplinarità, l’inter-medialità e la reticolarità della sua struttura a più livelli enciclopedici. In questo modo la Polienciclopedia Umanistica immaginata da Roberto Rossellini potrà divenire quel nuovo strumento per il mondo educational che Rossellini aveva concepito come sussidio ideale per tutti gli studiosi, gli autori, e gli insegnanti che vogliano continuare a mantenere viva, nell’era del digitale, la nostra tradizione artistica, scientifica e didattica. 

Nel Piano per completare la realizzazione del Sistema Polienciclopedico Rosselliniano troverete sia una storia del progetto - dalle origini rinascimentali all’elaborazione rosselliniana ai nuovi sviluppi in forma digitale, reticolare e online da parte del nostro Istituto - sia il programma di lavoro con cui intendiamo portarlo a termine.
Nelle presentazioni del piano di sviluppo troverete demo ed esempi di alcune «voci» della Polienciclopedia, estratti dalla prima versione prototipale.

Purtroppo anche l'occasione del Centenario della nascita di Roberto Rossellini non è bastata a raccogliere risorse per il completamento del progetto. Tutti i contributi offertici, limitatamente al breve periodo delle celebrazioni, sono stati legati a iniziative promozionali per far conoscere quale sia il vero progetto che ispira l'intera opera rosselliniana, sia quella realizzata sia quella incompiuta (di cui abbiamo potuto mostrare progetti e materiali di studio che rivelano le intenzioni autoriali).
In questo senso possiamo essere soddisfatti che le iniziative da noi curate per il Centenario abbiano contribuito ad alimentare l’interesse per questo grande progetto incompiuto, pari solo, per complessità, all’insieme mai ritrovato e mai riorganizzato reticolarmente dei “Codici” di Leonardo Da Vinci.
La sola mostra Roberto Rossellini Arte e Scienza dell’Umanesimo, che il MIBAC e la Regione Lazio hanno contribuito a realizzare, e che il Comune di Roma ha ospitato nel “Museo di Roma in Trastevere”, ha registrato un afflusso record nella capitale; e la vastissima rassegna stampa ad essa dedicata testimonia un risveglio di interesse a tutti i livelli per la tradizione umanistica, vista attraverso gli occhi di un eccezionale «neo-umanista» come Roberto Rossellini.
Tuttavia, completate le iniziative per le Celebrazioni, non abbiamo trovato il medesimo entusiasmo per la realizzazione del progetto per cui eravamo riusciti a suscitare tanto interesse. Il MIBAC ha finanziato solo il primo anno di celebrazioni, mentre gli Enti Locali co-promotori del Centenario (Regione Lazio, Comune di Roma e Provincia di Roma) non hanno risposto alle nostre richieste di passare da una fase promozionale e informativa ad una realizzativa e formativa, per offrire al mondo Educational un nuovo servizio basato sullo sviluppo e sulla distribuzione in forma ipermediale dell’intera Polienciclopedia Umanistica Rosselliniana. 

Questo non ha però impedito, ma solo rallentato, la continuazione del lavoro, che abbiamo intrapreso decidendo di raccogliere la più incompresa, ma anche la più appassionante, eredità dell’autore, augurandoci che con la completa realizzazione del Sistema Polienciclopedico da lui ideato, finalmente Roberto Rossellini sia considerato non più soltanto per la sua attività cinematografica ma anche per il suo progetto più importante, che lo rende degno di essere ricordato come un grande umanista al pari dei suoi maestri.
Ai veri estimatori del lavoro meno acclamato ma dallo stesso Rossellini considerato il fondamento della sua opera, chiediamo dunque di aiutarci a reperire le risorse necessarie per il completamento e per la diffusione di questo progetto. In questo modo potremo finalmente arrivare a distribuirlo come nuovo strumento di conoscenza e patrimonio dell’umanità, avvalendoci della disponibilità continuamente rinnovataci dai nostri ricercatori e autori che abbiamo formato negli anni, e non sprecando l’investimento incalcolabile occorso per metterli in grado di affrontare una simile avventura.

Dopo oltre venti anni di ricerche, di studi e di realizzazione di prototipi, nonché di formazione dei ricercatori e degli autori, siamo ormai pronti a entrare nella fase conclusiva.
Il progetto di sviluppo e implementazione si articola in 5 moduli corrispondenti alle diverse e complementari prospettive enciclopediche con cui Roberto Rossellini intendeva tessere la «rete degli insegnamenti della tradizione umanistica» e lasciarla in eredità ai potenziali nuovi umanisti - autori, studiosi e insegnanti - del futuro.
Ogni modulo enciclopedico è articolato in una serie di «voci» enciclopediche in forma ipermediale, a cui, da circa venti anni, stanno lavorando i ricercatori e gli autori da noi appositamente formati per portare a termine questa straordinaria impresa. Lo stadio di avanzamento per ciascuna «voce» è discontinuo, dipendendo dalle scarsissime risorse di cui la Fondazione Rossellini e l’Istituto MetaCultura dispongono e che hanno potuto investire in questo grande progetto. Per ogni modulo si sono già ricercate, digitalizzate, editate innumerevoli risorse documentali appartenenti alla biblioteca materiale o ideale rosselliniana: tutti i testi degli autori classici con cui Rossellini ha creato «ponti virtuali» attraverso la sua opera, stimolandone la conoscenza e lo studio.

Chiediamo perciò a tutti i potenziali partner e sostenitori di portare un concreto contributo alla realizzazione del più grande progetto rosselliniano, che aiuterebbe a rilanciare la tradizione umanistica nel mondo come prima e reale risorsa - artistica, scientifica e tecnologica - del nostro paese.
In cambio, offriamo sia l’opportunità di apparire come i primi promotori di un'opera che avrà una circolazione mondiale, sia la possibilità di usufruire del diritto d'uso della Polienciclopedia per i propri utenti.  
Oltre a questo, offriamo l’opportunità di contribuire a creare, in una prestigiosa sede internazionale, una reale nuova “Bottega Umanistica”, che ospiterà tutti gli archivi e le attività da noi condotte per attuare il progetto, e che diverrà il centro propulsore delle sue ulteriori implementazioni (oltre la versione 1.0) e della sua distribuzione. La “Bottega” sarà articolata in diversi spazi - di esposizione dei risultati al pubblico, di formazione per insegnanti e studenti - e sarà dotata di un «retro-bottega» dove poter continuare a implementare (con nuove risorse umanistiche provenienti da tutto il mondo) il sistema polienciclopedico, e da cui erogarlo come servizio online, aggiornando le sedi remote allestite presso postazioni in sedi educational territoriali (sedi bibliotecarie, scolastiche, museali, universitarie etc.) con responsabili adeguatamente formati.

Chi cerchiamo e cosa chiediamo:
in alternativa alla possibilità sempre più remota di attuare questo progetto in Italia, abbiamo lavorato a un piano per portare tutta l'attività, gli archivi e i servizi creati dalla Fondazione in altri paesi interessati ad acquisire gli insegnamenti della nostra tradizione umanistica.
Dopo aver investito per anni tutte le nostre risorse economiche e posticipato ogni altro progetto, ora, per non essere costretti a interrompere il lavoro o a trasferire il progetto in un paese estero che apprezzi maggiormente la tradizione umanistica e il lavoro di Rossellini, siamo alla ricerca di un Ente Locale o Nazionale illuminato che:

- ospiti la "Fondazione Roberto Rossellini per lo Sviluppo del Pensiero Enciclopedico", l'archivio umanistico Rosselliniano e i servizi e prodotti che abbiamo creato per valorizzarlo sviluppando le idee di Roberto Rossellini;

- ospiti una mostra permanente che presenti e sviluppi con implementazioni progressive anzitutto quanto già abbiamo realizzato ed esposto nella Mostra "Roberto Rossellini Arte e Scienza dell'Umanesimo" da noi curata a Roma nell'ambito delle celebrazioni del Centenario della nascita di Roberto Rossellini. Questa nuova mostra potrebbe diventare la parte espositiva aperta al pubblico della sede della Fondazione, una sorta di “Museo permanente della tradizione umanistica sotto la guida virtuale di Roberto Rossellini”; uno spazio di studio e fruizione della tradizione umanistica basato sul lavoro di Roberto Rossellini adatto a mostrare come dialoghino tra loro gli umanisti del passato e del presente intorno a questioni metodologiche e a sviluppi di ricerche che hanno continuato a svilupparsi passando di mano in mano da un laboratorio all'altro.

- ospiti una serie di iniziative come mostre, spettacoli e rassegne a rotazione basate sul lavoro di Roberto Rossellini, con una programmazione annuale che sfrutti e valorizzi le risorse dell'archivio e i prodotti da noi realizzati dall'anno del Centenario;

- contribuisca al completamento della digitalizzazione degli archivi rosselliniani necessari per alimentare il sistema polienciclopedico. Parte dei documenti potrebbe confluire nell'esposizione permanente, o essere utilizzati nel programma annuale di mostre, spettacoli e rassegne;

- contribuisca alle spese di gestione della Fondazione in cambio del programma annuale di servizi offerti dalla Fondazione da realizzare sul territorio dell'Ente, tra cui lezioni, seminari, spettacoli, rassegne e mostre;

- ospiti il sistema polienciclopedico rosselliniano allo stato di sviluppo attuale e con i successivi aggiornamenti; organizzi un servizio di fruizione unico in Italia per insegnanti, studenti e studiosi; e collabori con l'Istituto MetaCultura nella distribuzione online del sistema per un'utenza internazionale, anche preparandone versioni in più lingue;

- ci aiuti a trovare partner e sostenitori a livello nazionale e internazionale che investano sul completamento del sistema polienciclopedico rosselliniano e con ciò si assicurino una percentuale degli introiti derivanti dalla distribuzione internazionale del sistema per rientrare degli investimenti.

In cambio dell'aiuto offertoci dall'Ente, che diverrà nostro partner, siamo disposti a creare presso di esso uno spazio che entrerà a far parte delle risorse culturali artistiche e scientifiche sia del luogo che nazionali; uno spazio che diverrà il centro più accreditato di studi rosselliniani al mondo, sede di corsi di specializzazione e di attività formative per il territorio e per utenti internazionali; un museo e una biblioteca, ma soprattutto un laboratorio di ricerca e formazione permanente sulla tradizione umanistica che avrà come guida spirituale e virtuale lo stesso Roberto Rossellini. Il laboratorio ospiterà sia gli archivi sia i servizi e i prodotti basati su di essi: la mostra permanente e le mostre a rotazione, spettacoli, rassegne cinematografiche, e in particolare il sistema polienciclopedico in forma ipermediale che, una volta completato, costituirà lo strumento più avanzato, ideato da Roberto Rossellini, per studiare le relazioni tra le ricerche, i progetti, le opere dei maestri classici e contemporanei della tradizione umanistica.

In questa direzione abbiamo creato, all’interno del nostro Sito, il Laboratorio di formazione online interamente dedicato al progetto incompiuto di Roberto Rossellini. Attraverso il Laboratorio potremo contribuire alla formazione dei collaboratori al Progetto, alla sua implementazione e alla sua diffusione.

In conclusione: ancora fiduciosi di riuscire a trovare gli interlocutori giusti per non lasciare anche noi incompiuto il progetto che abbiamo voluto raccogliere dall’ultimo dei grandi umanisti nel nostro Paese, vi invitiamo a domandarvi cosa potete fare per contribuire al completamento del progetto e di conseguenza a mettervi in contatto con noi per stabilire possibilità e modalità di collaborazione.

Alessandro Pamini
Presidente dell’Istituto MetaCultura
Direttore della Fondazione Roberto Rossellini per lo Sviluppo del Pensiero Enciclopedico