vai alla home del sito


Note relative al completamento della nuova versione della Polienciclopedia Umanistica Rosselliniana in forma di «Sistema Reticolare E-Learning»


Per ognuno dei cinque moduli enciclopedici (si veda più oltre il piano di articolazione modulare della PoliEnciclopedia in forma Ipermediale E-Learning) è stata compiuta una lunga ricerca delle risorse correlabili - a partire dai documenti prodotti, raccolti e commentati da Roberto Rossellini - che nel loro insieme costituiranno le tessere del complesso mosaico. Solo parte di queste risorse sono state reperite, digitalizzate ed editate; si prevede pertanto il completamento della digitalizzazione e dell'editing insieme alla ricerca delle numerose risorse di cui si sono già individuate le tracce nei progetti rosselliniani. Per ogni modulo è stato condotto uno studio analitico delle risorse disponibili, e un piano di progettazione delle voci in cui articolarlo. Alcuni moduli sono stati parzialmente realizzati in una prima versione dimostrativa che potrà essere implementata e aggiornata insieme allo sviluppo dei moduli non ancora realizzati o completati. Una prima versione del modulo 1 è stata realizzata nell’ambito del Centenario e presentata a scopo promozionale presso la Mostra Roberto Rossellini Arte e Scienza dell’Umanesimo, nonché installata in una sola Biblioteca del Lazio, presso la sede centrale della Regione che ha contribuito con un piccolo finanziamento alla sua realizzazione. Per il modulo 2 sono stati realizzati alcuni prototipi (per 4 voci) ed è stata avviata la fase di scrittura per le voci non ancora implementate. Del modulo 3 è stato realizzato il modello di articolazione in collaborazione con la cattedra di Antropologia Culturale tenuta dal professor Cirese, mentre del modulo 4 è stato realizzato un prototipo relativo a una delle sottoarticolazioni (per la voce “Amore” in occasione del progetto Voci umane: Cocteau-Rossellini-Poulenc realizzato in collaborazione con il Teatro La Fenice di Venezia). Del modulo 5 sono stati realizzati diversi prototipi per sperimentare le possibilità tecnologiche adeguate alla sua complessa struttura reticolare.
In base a questi presupposti è stato elaborato un piano di completamento della versione 1.0 della PoliEnciclopedia in cinque annualità. Con il contributo di nuovi partner e sostenitori si potrà offrire direttamente o indirettamente - attraverso partnership internazionali - la possibilità di fruire dell’intero Sistema Polienciclopedico come nuovo strumento formativo e didattico online, accessibile in tutti gli spazi educational di pertinenza degli enti partner, a partire dalle scuole e dalle biblioteche, comprese quelle scolastiche, interessate a offrire questo nuovo servizio ai propri utenti. Tale piano comprenderà formazione ed eventi promozionali presso tali sedi.
Inoltre verranno allestite una o più sedi fisiche internazionali, vere e proprie nuove «Botteghe Umanistiche» in cui si ricostruiranno e si mostreranno al pubblico i progetti dei grandi umanisti e le loro intrinseche correlazioni nei modi in cui sono stati concepiti. In questo modo, oltre al Laboratorio di progettazione e sviluppo, si potrà offrire, presso tali sedi, un servizio di supporto a ricercatori, studenti e studiosi, docenti e autori interessati a perfezionare la loro formazione umanistica, a sviluppare progetti correlati al sistema polienciclopedico rosselliniano o adatti a implementarlo, e desiderosi di esplorare le relazioni interdisciplinari tra gli studi dei grandi umanisti.
Per il pubblico potrà essere offerto un servizio informativo e promozionale anche in preparazione di una esplorazione ragionata dei tesori della tradizione umanistica sul territorio italiano, europeo e internazionale. Da questo punto di vista le Botteghe offriranno, ai visitatori di qualunque luogo depositario di tesori della tradizione umanistica, una mappatura delle ricerche, dei progetti e delle grandi personalità che hanno contribuito a sviluppare e a far conoscere il pensiero umanistico nel mondo intero. In questo senso le Botteghe erogheranno un servizio di orientamento tra i tesori dell’arte e della scienza umanistica sotto la guida dei grandi umanisti; quei maestri scelti da Roberto Rossellini come «tutor virtuali» per quanti vogliano ancora apprendere gli insegnamenti che hanno reso per lungo tempo la tradizione umanistica la prima risorsa economica, oltre che culturale, dell’Italia e dell’Europa intera.
In conclusione, tutti i potenziali partner e sostenitori internazionali sono invitati a partecipare come coproduttori e finanziatori (per gli anni necessari allo sviluppo) della realizzazione di tutti i moduli nella versione 1 testata e implementata a un primo livello in ogni sua parte.
Considerando che ogni modulo richiede
- ricerca di risorse documentali (ricostruzione della biblioteca ideale dell’autore e dei suoi interlocutori),
- acquisizione delle risorse documentali (acquisto, spedizioni, spese di duplicazioni),
- digitalizzazione, restauro e editing delle risorse documentali,
- acquisizione, aggiornamento e adattamento di sofisticata tecnologia hardware e software,
- studio delle interne ed esterne correlazioni in base ai principi con cui i testi sono composti,
- progettazione e scrittura in forma narrativa dei meta-testi per lo studio delle correlazioni tra i testi artistici oggetto di studio, e l’apprendimento dei principi compositivi inerenti a questi ultimi,
- impaginazione multimediale dei meta-testi, e correlazione delle risorse di archivio,
- formazione dei ricercatori e degli iper-autori curatori delle «voci» enciclopediche,
- consulenze esterne su aspetti specifici degli oggetti trattati,
e che tale attività necessita che lavorino in parallelo più curatori su una medesima «macrovoce» in cui si raccolgono più «voci»,
si chiede di contribuire a raccogliere le risorse indispensabili per il completamento progressivo di tutte le «voci» previste dal Sistema Polienciclopedico, di cui riportiamo di seguito l’articolazione.