vai alla home del sitovai alla home del sito vai alla home del sito

La Scuola

PresentazioneFinalitàModalità • Programmi



Studiare l'Arte con la Scienza, Insegnare l'Arte e la Scienza con il Racconto



Programmi

IL NOSTRO INVESTIMENTO SU PROGRAMMI DIDATTICI E FORMATIVI PER LA SCUOLA

Con il 2015 il servizio - rivolto al mondo della scuola, dell’educazione permanente e dell’educazione professionale - ha preso avvio dalla scuola primaria e secondaria di primo grado; lo consideriamo infatti un investimento, anzitutto sulle nuove generazioni e poi sugli insegnanti che si occuperanno di esse.
Con questo nostro progetto vogliamo scommettere, insieme a voi insegnanti ed educatori, che si possa tornare a insegnare come fare arte in ogni forma espressiva e narrativa con l’aiuto dei grandi maestri della tradizione umanistica assunti come tutor virtuali.
Il nostro paese vive un periodo di grave degrado culturale; in meno di un secolo è passato dal costituire un punto di riferimento mondiale - per aver saputo creare nei secoli capolavori universali e duraturi - al custodire immeritatamente il patrimonio artistico più importante al mondo, senza sapere più come accrescerlo e valorizzarlo.
In controtendenza con l’abbandono di ogni investimento in campo umanistico - che si traduce nello scoraggiare i giovani ad occuparsi delle cosiddette “discipline umanistiche”, considerate ormai inutili dall’attuale «mercato del lavoro» - vi invitiamo ad avventurarvi con noi in una operazione i cui risultati potrebbero concretizzarsi, per le prossime generazioni, in una reale ripresa del nostro paese proprio in quel settore in cui per secoli questo ha conservato un primato nel mondo.
Questo primato non era costituito solo dal detenere un enorme patrimonio artistico; oggi noi ci rechiamo nei musei o nelle piazze o nei teatri e siamo pieni di ammirazione per le opere d’arte dei nostri predecessori, quasi stupiti che siano state prodotte da uomini come noi, nati e cresciuti nel nostro paese (e non venuti da Marte!); eppure in un tempo non troppo lontano gli “umanisti” (i nostri avi) lavoravano alle loro opere eccezionali e soprattutto si prodigavano per formare altre generazione di studiosi, artisti e insegnanti come loro, provenienti, per studiare, da ogni parte del mondo (il nostro paese era conosciuto come tappa fondamentale del “Gran Tour” europeo), che portassero avanti le forme più alte del pensiero e dello spirito umano. Gli umanisti erano infatti in grado di fare e insegnare a fare arte con la scienza e quindi di offrire al mondo intero (ai tanti visitatori che venivano nel nostro paese per imparare viaggiando) sia capolavori d’arte sia il know necessario per farli.

Molti di voi si sono avvicinati a noi per il nostro singolare approccio allo studio della musica trattata come componente della «narrazione poliespressiva» o come spesso si dice impropriamente «multimediale». Ad essi, e a voi tutti, rivolgiamo ora un invito a partecipare all’attuazione del piano che abbiamo preparato per estendere sul territorio regionale, ove vi sia interesse per l’«educational», un’attività allargata, interdisciplinare, di studio della narrazione in ogni forma espressiva e narrativa; un’attività formativa e didattica che dia ai destinatari finali - non solo i ragazzi, ma anche gli adulti che per la prima volta avranno l’occasione di avvicinarsi a questo tipo di ricerca - la possibilità di apprendere dai grandi maestri, e dai capolavori che ci hanno lasciato, «come si compone e si narra una grande storia».
Questa prospettiva permette di riconsiderare numerose discipline, che costituiscono «materie» del curricolo scolastico, come aspetti di un’unica attività, in cui le «operazioni logiche», di solito studiate separatamente in ambiti scientifici, sono utilizzate come «principi», regole per articolare in modo rigoroso «partiture di suoni, immagini, parole», necessarie per «raccontare bene una bella storia».
Questa attività da un lato può motivare i ragazzi allo studio - in quanto fa leva sul medesimo piacere che essi provano quando guardano, leggono, ascoltano serie televisive, giochi di ruolo, film e saghe letterarie di cui vorrebbero essere autori oltre che fruitori - da un altro lato può fornire agli insegnanti un terreno realmente comune e condiviso in cui sperimentare, fin dalla scuola primaria, una didattica basata sull’imparare a capire «come si fa arte con la scienza».
Non occorrerà, per questo, avvicinarsi subito ai capolavori del teatro musicale, peraltro tenuti a distanza da chi non sa apprezzarne la complessità; per iniziare a comprendere come funziona un «racconto poliespressivo» - che sfrutta al meglio tutte le forme espressive per raccontare un’unica grande storia in cui si intreccino tante micro-storie - basta rivolgersi a quei capolavori della narrazione per l’infanzia a cui hanno lavorato tanti autori, o unici autori polivalenti: le “Silly Symphonies” disneyane, ad esempio, in cui musica, immagini e letteratura concorrono a creare una narrazione a più livelli che funziona proprio grazie alla simultanea e complementare interazione di più piani espressivi. Di qui fino alle opere di Mozart, Rossini, Wagner, Verdi - per nominare alcuni dei tanti capolavori che vogliamo far riscoprire affinché proprio da essi si possano tornare ad apprendere le straordinarie capacità degli artisti che li hanno resi immortali - il passo non è breve ma neppure impossibile.
Grazie alla vostra collaborazione, ricominciando dalla scuola primaria, si potranno rimettere in circolo quei saperi e quelle opere con cui il nostro paese, più di altri, ha saputo nei secoli dare un avvenire alle proprie nuove generazioni; queste, nel faticoso cammino per imparare a suonare, dipingere e scrivere, andando «a bottega» dai grandi artisti da cui potevano apprendere il «mestiere», potevano vedere non una perdita di tempo ma un buon investimento per la loro vita.

Sappiamo bene che è difficile far capire queste cose a chi ha il potere di decidere come spendere (non direi, purtroppo, «investire») i pochi soldi oggi disponibili per la crescita culturale del nostro paese.
Sappiamo tutti che il settore educational è purtroppo diventato, con gli anni, il luogo dove si nasconde meglio l’assistenzialismo e la corruzione.
Ma occorre continuare a provarci. Noi lo abbiamo fatto presentando un progetto che favorisca, a partire dalla tenera età, lo studio della narrazione poliespressiva e la diffusione di nuovi strumenti per supportarla; stiamo provando a portare nella scuola questa novità, cercando di invertire la tendenza rispetto a quelle abitudini feudali che affidano le attività formative a realtà consolidate politicamente, sempre le stesse, che gestiscono da anni tutti i fondi per l’educazione musicale e non solo. Dopo aver sollecitato piccole e grandi realtà locali e istituzionali ad essere nostri partner per un’operazione coraggiosa sul territorio toscano, mentre attendiamo pazientemente che alcuni Comuni di questa regione dimostratisi interessati a questa piccola rivoluzione educativa, adottino e attuino nel loro contesto il progetto, e dopo aver constatato la cecità di importanti realtà istituzionali interessate solo a mantenere il consenso con assaggi e illusioni di cambiamento in una realtà educativa che non vogliono cambiare, abbiamo finalmente trovato il primo partner in un Istituto comprensivo, a Pieve a Nievole; lo abbiamo a nostra volta immediatamente sostenuto, già dall’anno scorso, offrendo in anteprima un piccolo corso esemplificativo di quello che si potrà fare, ora, con un piano più articolato: il piano a cui vi inviteremo a partecipare a breve, ufficialmente, con l’appoggio e la partnership dello stesso Istituto Comprensivo coraggioso e lungimirante.
Confortati anche dalle risposte e richieste di chi ci ha seguito nel 2015 con la distribuzione sperimentale del primo sistema reticolare e-learning online, abbiamo deciso di espandere e sistematizzare quell'esperienza allargando l'offerta a tutte le scuole interessate sul territorio nazionale.
Speriamo inoltre di ottenere già da questo primo anno di distribuzione sistematica, un numero di adesioni sufficiente per raccogliere, come in una vera e onesta attività di crowfunding, le risorse necessarie per poter sviluppare i nuovi sistemi che vi offriremo l’anno prossimo, auspicabilmente già dall’inizio dell’anno scolastico.

Il servizio comprenderà per ogni programma pensato per differenti fasce di utenti:
- licenze d’uso dei Sistemi di Studio Reticolari E-Learning adatti al tipo di utenti finali coinvolti nel programma,
- accesso a un ambiente di studio interattivo sia formativo che didattico, con moduli articolati scena per scena in relazione ai racconti presi in esame, che vi aiuteranno a sfruttare al meglio i Sistemi stessi,
- accesso a lezioni metodologiche online in aula o registrate online, per acquisire tutti i presupposti metodologici e tecnologi necessari per insegnare, con questi nuovi strumenti, la narrazione poliespressiva,
- assistenza personalizzata online,
- accesso alla mediateca dell’Istituto online, per poter esplorare quelle risorse artistiche, rare e spesso non più edite, di cui i sistemi stessi sollecitano la conoscenza

Per aiutarvi a valutare i programmi organizzeremo Conferenze-Spettacolo in aula in cui potrete conoscere da vicino i nostri Sistemi, conoscerci personalmente, e conoscere meglio i programmi più adatti per voi e le modalità di partecipazione individuali o come scuole.

Infine alcune brevi raccomandazioni:
non spaventatevi per la componente tecnologica del progetto; la straordinarietà del funzionamento quasi interamente online del servizio richiede poco investimento tecnologico da parte dei fruitori, a fronte di un grande investimento da parte nostra per la sua costruzione, per la sua implementazione e per la sua distribuzione; allo stesso modo l’utilizzo dei Sistemi da parte vostra non richiede le medesime capacità tecnologiche e metodologiche dei nostri autori, che si sono preparati in decenni per realizzare e offrirvi questi strumenti unici, non altrimenti ottenibili.
Tutto quello che vi occorre sul piano tecnologico probabilmente lo avete già presso le realtà in cui operate, o comunque lo potrete acquisire facilmente con piccoli miglioramenti della dotazione in vostro possesso.
Riguardo alle competenze digitali minime che invece vi occorreranno per non essere da meno dei piccoli destinatari finali del servizio - i ragazzi nativi digitali - nel caso non le possediate le potrete apprendere facilmente anche con il nostro aiuto nelle lezioni introduttive e nel tutoraggio online che vi offriremo.
Tenete anche conto che il nostro Istituto sta riversando tutte le proprie esperienze, competenze, produzioni nel Sito online dal quale erogheremo il servizio, che verrà arricchito progressivamente e nel quale potrete apprendere, «reticolarmente», tutto quello che vi servirà per sciogliere dubbi e acquisire presupposti mancanti.

Siamo a vostra disposizione per delucidazioni e chiarimenti, contiamo di incontrarvi personalmente e di farvi testare quello di cui parliamo, perché al di là delle parole che ora spendiamo per informarvi, crediamo che la miglior forma di conoscenza sia l’esperienza diretta, grazie alla quale contiamo che diventiate voi stessi la nostra miglior forma di promozione dell’iniziativa, parlandone ad altri colleghi, alle famiglie dei vostri ragazzi e ai dirigenti scolastici.

Alessandro Pamini
Direttore scientifico e artistico dell’Istituto MetaCultura-La Scuola degli Umanisti
e della Fondazione Roberto Rossellini per lo Sviluppo del Pensiero Enciclopedico

IL PASSAGGIO DALL'ATTUAZIONE OFF-LINE ALLA DISTRIBUZIONE ON-LINE

La nostra Scuola-Bottega, attraverso i Sistemi Reticolari E-Learning che sviluppa in rapporto ai diversi Laboratori, è a disposizione di tutti gli utenti educational che vogliono iscriversi per usufruire, ovunque, del nuovo servizio online.

Tuttavia, per attuare il servizio e farlo giungere a utenti di diverse regioni e di diversi paesi, non basterà il nostro progressivo impegno per realizzare ogni anno nuovi titoli, per adottare le tecnologie più adeguate e per tradurre i sistemi in altre lingue. Occorrerà anche tutto l'aiuto di partner istituzionali, di sostenitori e non di meno degli utenti singoli, che, con il passaparola, potranno contribuire ad aumentare le iscrizioni e a raccogliere fondi per implementare i nuovi titoli che ogni anno vorremmo poter offrire loro.

In particolare, se i potenziali Enti partner, Istituzioni educative e amministrazioni interessate ad offrire il servizio ai propri utenti, svolgeranno un ruolo organizzativo per promuovere e raccogliere iscrizioni nelle loro zone e nel ricercare fondi tra bandi e canali di finanziamento pubblici e privati, noi potremo sviluppare i programmi più adatti alle diverse tipologie di utenti come indicato nelle nostre proposte: per Enti Locali, per Teatri di Prosa, per Fondazioni Lirico-Sinfoniche, per Scuole a indirizzo musicale, Licei Musicali, Conservatori, per Istituzioni Cinematografiche, per Scuole e Università, per Biblioteche e Musei, per Centri per l' Educazione Permanente, per Centers for Digital Humanities, per Editori e Distributori di contenuti digitali.

Nei primi 35 anni di attività abbiamo articolato i nostri servizi in funzione di singoli partner, rivolgendo corsi frontali e sussidi ipermediali «offline» ai soli loro utenti. I partner che investivano sui nostri progetti non erano interessati a far circolare il servizio al di là dei loro utenti, e noi non riuscivamo mai ad avere fondi sufficienti per realizzare un sistema di studio abbastanza articolato da comprendere Corsi su ogni forma espressiva oltre che sulla narrazione.

Ora, grazie alla distribuzione online e alla possibilità di rendere fruibili dal Sito-Scuola anche i Corsi frontali che realizzeremo in aula presso le sedi degli enti partner con i loro specifici utenti, potremo immediatamente estendere il servizio ad altri soggetti - partner e sostenitori - sul medesimo territorio regionale e anche in ambito nazionale e internazionale. Semplicemente ogni partner contribuirà alle spese per la realizzazione di una parte del servizio e otterrà licenze d'uso gratuite per i propri docenti/educatori utilizzatori del servizio. In questo modo noi saremo sempre liberi di aprire il medesimo servizio ad altri potenziali partner e quindi utenti interessati a riceverlo, online, ovunque si trovino.
Inoltre, grazie al contributo di più partner e sostenitori e a un'utenza più ampia online contiamo di poter raccogliere per ogni nuovo titolo in cantiere i fondi necessari per poterlo articolare in ambienti didattici e formativi completi per lo studio della narrazione e della composizione di ogni forma espressiva.

Di seguito pubblichiamo i programmi a cui è possibile iscriversi per l'anno in corso; potrete valutare se iscrivervi saltando alla pagina relativa.

Non ci resta dunque che invitarvi a provare il nuovo servizio, iscrivendovi, e a diffondere la notizia ad altri potenzialmente interessati.

Il racconto multimediale dalla favola, illustrata, musicata e animata, al teatro musicale

Come utilizzare la logica reticolare e la tecnologia ipermediale per lo studio interdisciplinare delle Arti Narrative.
Come imparare a comporre e a narrare estraendo dai capolavori classici le regole universali del Racconto Multimediale

Gli obiettivi che i docenti e, indirettamente, i loro studenti potranno raggiungere cimentandosi su questa particolare proposta formativa e didattica possono essere così sintetizzati: imparare a utilizzare la Logica Reticolare e la Tecnologia Ipermediale nello studio interdisciplinare delle Arti Narrative, e capire, con l’aiuto di questi nuovi strumenti, come si possa comporre e a narrare con ogni forma espressiva estraendo da capolavori classici le regole universali del Racconto Artistico Multimediale.
I Corsi Intensivi di formazione per gli insegnanti che si iscriveranno al programma, a quello per la scuola primaria o a quello per la secondaria, si articolano in incontri in aula e assistenza personalizzata online.
Negli incontri in aula verrà esemplificato come si possa lavorare sui testi artistici di grandi autori della narrazione mono e poli espressiva per ricavare, dalle correlazioni implicite tra le parti di un medesimo testo o tra testi varianti, quei principi universali di narrazione e composizione da essi condivisi (le articolazioni del racconto e le relazioni intratestuali; le varianti implicite ed esplicite del racconto e le relazioni intertestuali).
Verrà inoltre mostrato come funzionano e come possono essere utilizzati i «Sistemi di Studio Reticolare E-Learning», realizzati dal’Istituto MetaCultura in oltre trenta anni di ricerche e sperimentazione didattica, per agevolare il compito di identificare i principi di narrazione e composizione presenti in capolavori artistici della nostra tradizione umanistica, e quindi come utilizzare i principi stessi per navigare tra testi di ogni tempo luogo e forma espressiva che li condividano.
Negli incontri online verrà data assistenza personalizzata sia alle esercitazioni individuali sia alla sperimentazione didattica con gli studenti destinatari finali del servizio.
Dai Corsi e dalla Sperimentazione didattica si potrà formare un gruppo di docenti in grado di utilizzare al meglio i nuovi strumenti metodologici e tecnologici per lo studio interdisciplinare della narrazione artistica e multimediale che l’Istituto MetaCultura intende mettere a disposizione di tutti gli educatori interessati, affinché possano aiutare i loro allievi sia ad acquisire competenze interdisciplinari di tipo compositivo e narrativo, sia a scoprire e apprezzare quei capolavori classici del teatro di prosa e musicale, del cinema e della letteratura illustrata, che utilizzano al meglio le regole della narrazione multimediale. Si tratta di strumenti metodologici e tecnologici pensati per il mondo educational, per formare gli operatori e supportarli nella loro attività didattica. In questa prospettiva, parte integrante del servizio sarà la loro distribuzione online a tutti i docenti iscritti, affinché li possano utilizzare per meglio apprendere ed insegnare loro stessi la composizione dei suoni, delle immagini e delle parole come componenti dell’«arte narrativa multimediale». I Sistemi sono messi a disposizione dall’Istituto MetaCultura, che ha voluto sostenere questo progetto offrendo ai docenti accesso personalizzato, per tutta la durata dei Corsi, a un area riservata del Sito-Scuola di Narrazione Online che ospita i Sistemi e ne permette la fruizione online.
Ogni insegnante potrà sperimentare con i propri studenti tutto quanto avrà appreso nel Corso di formazione in aula e attraverso l’ambiente formativo dei Sistemi Reticolari E-Learning messigli a disposizione. Potrà infatti disporre, tra l’altro, di «percorsi didattici multimediali intertestuali», concepiti come viaggi tra racconti, di ogni forma espressiva, che condividano i medesimi principi narrativi e compositivi; i percorsi costituiranno insieme un modello e un supporto esemplificativo per l’attività che egli svolgerà, anche grazie ad esso, in aula con gli studenti.
Avrà inoltre modo di dialogare con il Docente del Corso e con altri insegnanti in alcune videoconferenze e videoincontri che verranno organizzati durante la sperimentazione didattica.
Inoltre ogni insegnante iscritto al programma formativo e didattico, per mostrare di aver appreso la metodologia e di saper padroneggiare la tecnologia, e quindi di avere diritto a un attestato relativo alle competenze apprese (non semplicemente un attestato della presenza agli incontri), sarà tenuto a ipotizzare autonomamente un segmento di un nuovo Sistema di Studio Reticolare E-Learning su un ulteriore racconto classico, spiegando quali principi narrativi abbia individuato in esso, e delineando un percorso didattico intertestuale e multimediale per farli ricavare ai suoi allievi.

Gli insegnanti di scuola primaria potranno lavorare su e con due Sistemi dedicati a capolavori della narrazione per l’infanzia che sono stati riraccontati in molteplici varianti con diverse forme espressive, e, in particolare da Walt Disney, in forma di racconto musicale animato.

Gli insegnanti di Scuola secondaria potranno invece lavorare su un complesso Sistema di Studio dedicato al capolavoro di William Shakespeare Romeo and Juliet, alla sua struttura narrativa e alla scrittura composita letteraria e teatrale, alle sue illustrazioni alle sue riscritture musicali e alle sue messe in scena teatrali e cinematografiche.

Per rendere possibile l’attuazione del programma in Corsi intensivi sia per la Scuola primaria che per la Scuola Secondaria, l’attività formativa in aula si focalizzerà su alcune scene dei testi presi in esame, per poter esemplificare il metodo; di conseguenza l’attività didattica potrà invece svilupparsi estendendo il metodo allo studio di altre scene in un’attività collaborativa tra gli studenti sotto al supervisione degli insegnanti e, indirettamente, dei docenti dell’Istituto MetaCultura.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

- Programma per la Scuola Primaria

- Programma per la Scuola Secondaria

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------